ROTOMIX di BRAVO

Bravo srl, azienda di riferimento nella produzione di macchine specifiche per l’allevamento, ha presentato durante la 72esima Fiera del Bovino da Latte, svoltasi a Cremona dal 25 al 28 ottobre scorsi, il nuovo carro miscelatore semovente Unifeed Rotomix Serie 5, sintesi perfetta di storia (Rotomix è il primo carro miscelatore semovente costruito in Italia negli anni ’70 dall’omonima azienda, poi confluita in Bravo) ed innovazione.

La società cuneese, nata dalla fusione di Rotomix, appunto, con Bicieffe, specializzata in impagliatrici con lanciapaglia senza turbina ed in distributori di segatura e separato, ha mantenuto le produzioni di entrambe le realtà, modernizzando le gamme grazie ad una ricerca continua ed internazionalizzando il marchio, oggi diffuso, oltre che in Italia, anche in Francia, Spagna e Portogallo.

Un sapiente mix di esperienza e avanguardia che ha portato alla quinta generazione di carri miscelatori semoventi, unici per qualità e, soprattutto, per metodo di lavoro. Rotomix, infatti, si compone di una potentissima fresa abbinata ad un esclusivo mulino supplementare trinciante a coltelli e contro coltelli regolabili – che taglia in maniera veloce e netta, a lunghezza costante e desiderata, impedendo la sfibratura ed il riscaldamento delle masse. Tutti i materiali vengono caricati nella botte rotante la quale, con un procedimento logico e rispettoso, miscela perfettamente i componenti, ottenendo un composto omogeneo, digeribile ed appetibile pronto per essere scaricato in mangiatoia.

Sofficità, uniformità di miscelazione, voluminosità, mantenimento dei principi nutrizionali e rispetto della fibra tagliata in modo netto, pungente e su misura: tutti plus che migliorano le performances degli animali, con conseguente ottimizzazione della produttività.

Non da sottovalutare che i sistemi di taglio ad alta velocità, sommati alla miscelazione con la botte rotante, sono tanto efficaci quanto economici nei consumi di gasolio.

Il nuovo Rotomix 6500 SERIE 5 da 30 mc presentato a Cremona si arricchisce di motori in linea con le direttive europee ECE – stage IV; motori che, per via dei volumi diversi, hanno richiesto un alloggiamento differente rispetto alla versione precedente e, conseguentemente, una nuova cofanatura. Sono stati apportati dei rinnovamenti anche alla testata braccio-fresa-mulino, ancora più veloce e potente, ed alla cabina, per modernizzarla e renderla meglio fruibile.

Il restyling della cabina rialzata rispetto alla precedente, con una maggiore superficie vetrata, così come la posizione di guida più ergonomica, non è però sufficiente a garantire la piena visione dell’area circostante, specialmente della zona posteriore e del fianco opposto al lato di guida, spesso ostruito in visuale dal braccio, che, in movimento, copre lo specchietto. Due settori critici, per i quali, in manovra, si rende necessario l’ausilio di telecamere, montate praticamente su tutti i mezzi. Bravo ha scelto la qualità Brigade Elettronica, leader in sistemi di sicurezza veicolare da oltre quarant’anni. Le telecamere, della linea Select, sono impermeabili, resistenti e perfettamente integrate nella carrozzeria; sono collegate a un monitor posizionato in cabina che può riprodurre un’inquadratura a schermo intero oppure, in contemporanea, le riprese di entrambe le telecamere, arrivando addirittura, se richiesto, persino a 4 telecamere simultaneamente. Il monitor da 7 pollici è resistente alle vibrazioni meccaniche, antiriflesso e mostra immagini chiare, nitide, precise.

Bravo
monta anche due sensori di rilevamento ostacoli, nello specifico Stepscan di Brigade, sul tetto della cabina di Rotomix per evitare di urtare le coperture dei capannoni o elementi strutturali (pali, travi…).

I dispositivi Brigade sono divenuti indispensabili, tanto che Bravo sta pensando di installare addirittura 4 telecamere, in particolare sui mezzi di stazze importanti: la gamma Rotomix spazia da 10 ai 40 mc, con carri di varie dimensioni, tutti equipaggiati per garantire la massima manovrabilità, efficienza, e, soprattutto, sicurezza. Sicurezza Brigade Elettronica.