Chris Hanson-Abbott fondò Brigade nel 1976: l’ispirazione gli era venuta dopo aver udito uno strano segnale acustico proveniente dal retro di un camioncino su una via di Tokyo.

All’epoca il Giappone era l’unico paese ad aver affrontato il problema della sicurezza delle manovre di retromarcia, ma in seguito all’introduzione in Gran Bretagna della legge sulla salute e sicurezza sul luogo di lavoro (Health & Safety at Work Act) e in considerazione del fatto che, già allora, i veicoli erano causa di un gran numero di incidenti mortali, Chris decise che era necessario un cambiamento.

Con il sostegno della Society of Motor Manufacturers and Traders (SMMT), Brigade lanciò il suo primo allarme per la retromarcia al Commercial Vehicle show di Londra nel 1976. Il prodotto suscitò reazioni contrastanti. La stampa era incuriosita, ma le case automobilistiche e i proprietari di flotte erano meno entusiasti: Brigade non vendette un singolo apparecchio. Come se non bastasse, a seguito della pubblicità suscitata, il Ministero dei Trasporti britannico annunciò che gli allarmi per la retromarcia violavano le normative relative alla costruzione e all’uso dei veicoli, ed erano quindi illegali.